17 Giugno 2019

Ecosostenibilità negata

La rapida evoluzione della comunicazione e del consumismo degli anni ‘90 e 2000, unita alla crescente cultura ecologista delle società civili occidentali, portò moltissime aziende, colte alla sprovvista, a improvvisare una sostenibilità mai realmente cercata. Naque così il fenomeno del greenwashing, analizzato e teorizzato dall’agenzia americana TerraChoice che studiò la comunicazione dei prodotti di largo consumo (in U.S.A. e Canada) che dichiaravano un posizionamento “verde”. Il risultato fu una lista dei 7 peccati (tipici) del greenwashing: nascondere, inventare, approssimare, falsificare, esaltare, minimizzare e mentire.

Il risultato dell’indagine del 2010 fu che oltre il 95% dei prodotti che si dichiaravano verdi e avevano una comunicazione verde commettevano almeno uno dei 7 peccati sopra descritti.

5 tecniche sorprendenti con cui i prodotti “green” cercano di ingannare l’utente

Sei dentro un negozio, con una bottiglia di shampoo per mano. Il tuo occhio vaga da un’etichetta all’altra e la tua mente esegue…
CONTINUE READING

WWF vince il poco felice premio “Greenwashing Award” 2017

Survival International accusa il Wwf di praticare il Greenwashing. Il “movimento mondiale per i diritti dei popoli indigeni”, dopo anni di scontri…
CONTINUE READING
coca cola life è greenwashing

Coca Cola Life: perché scadere nel greenwashing?

Si può parlare di greenwashing, in questo caso, per il semplice motivo che questa Coca Cola Life non fa del…
CONTINUE READING
Sant'Anna bio-bottle, esempio di greenwashing

Greenwashing in Italia: due esempi di violazione dei codici

Un esempio italiano di greenwashing è ben rappresentato dalle acque minerali che hanno subito sanzioni per comunicazioni scorrette o ingannevoli.
CONTINUE READING

Dalla comunicazione verde al greenwashing in Italia

Nel 1972 il pubblico italiano ebbe un primo incontro ravvicinato con una comunicazione verde, che si poneva l’obiettivo di tutelare…
CONTINUE READING